‘One big wave’ – perché la seconda ondata di Covid-19 potrebbe non esistere

‘One big wave’ – perché la seconda ondata di Covid-19 potrebbe non esistere

Senza prove di variazioni stagionali, l’OMS avverte che la pandemia iniziale di coronavirus sta continuando e accelerando

La pandemia di Covid-19 si sta attualmente svolgendo in “una grande ondata” senza prove che segue le variazioni stagionali comuni all’influenza e ad altri coronavirus, come il raffreddore comune, ha avvertito l’ Organizzazione mondiale della sanità .

Tra i continui dibattiti su ciò che costituisce una seconda ondata, una rinascita o un ritorno stagionale della malattia, Margaret Harris, portavoce dell’OMS, ha insistito sul fatto che queste discussioni non sono un modo utile per comprendere la diffusione della malattia.

“La gente sta ancora pensando alle stagioni. Ciò di cui tutti abbiamo bisogno per capovolgere è che questo è un nuovo virus e questo si comporta in modo diverso ”, ha detto Harris a un briefing virtuale a Ginevra, sollecitando la vigilanza nell’applicazione di misure per rallentare la trasmissione che sembra essere accelerata dalle riunioni di massa.

Covid-19: una seconda ondata è inevitabile? – podcast
Ha anche messo in guardia dal pensare in termini di ondate di virus, dicendo: “Sarà una grande ondata. Andrà un po ‘su e giù. La cosa migliore è appiattirla e trasformarla in qualcosa che lambisce i tuoi piedi. “

La realtà è che la questione della seconda ondata è stata controversa, molto discussa dai politici – tra cui Boris Johnson – e dai media , ma spesso molto mal definita.

Senza una definizione scientifica concordata, il termine “seconda ondata” è stato usato per indicare qualsiasi cosa, da picchi localizzati di infezione a crisi nazionali in piena regola, portando alcuni esperti a evitarlo.

“La seconda ondata” non è un termine che useremmo [in epidemiologia] al momento attuale, poiché il virus non è scomparso, è nella nostra popolazione, si è diffuso finora in 188 paesi e ciò che siamo vedere ora è essenzialmente picchi localizzati o un ritorno localizzato di un gran numero di casi “, ha affermato Linda Bauld, professore di sanità pubblica all’Università di Edimburgo.

Tom Frieden, ex direttore dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie, è tra quelli che sostengono che il concetto non è utile per “implicare che Covid-19 agirà come l’atto influenzale”.

A complicare il problema è la prospettiva. Vista da un punto di vista globale – come quello dell’OMS – la pandemia appare come un singolo, grande e ancora in rapido aumento, con numeri mondiali che raddoppiano nelle ultime sei settimane.

In termini di diffusione regionale e persino all’interno dei singoli paesi, dal punto di vista del livello del suolo, diventa più complicato.

Ciò che può apparire come una seconda ondata è che a volte diverse aree dello stesso paese sono semplicemente sfasate l’una con l’altra nello sperimentare l’epidemia, come negli Stati Uniti dove una prima ondata forte ma irregolare si è mossa inizialmente a singhiozzo e poi più rapidamente.

Keith Neal, professore emerito di epidemiologia delle malattie infettive all’Università di Nottingham, ha affermato che è diventato un termine “mediatico”, oltre che scientifico.

“Quello che stiamo vedendo sono picchi in molti paesi, a Leicester [nel Regno Unito] e in altri luoghi. Alcune persone potrebbero chiamare queste onde ma se lo fanno stiamo osservando dozzine di onde.

“Anche in Australia [in Victoria] c’è chiaramente una ripresa, ma la malattia era solo a livelli bassi per cominciare, quindi si riduce a una vaga terminologia.”

Come ha scritto Melissa Hawkins, professore di salute alla American University, nella conversazione , guardando la situazione degli Stati Uniti, parlando di seconde ondate in paesi in cui la malattia è semplicemente progredita in modo irregolare è inappropriato.

“Gli Stati Uniti nel loro insieme non sono in una seconda ondata perché la prima ondata non si è mai veramente fermata. Il virus si sta semplicemente diffondendo in nuove popolazioni o sta risorgendo in luoghi che abbassano la guardia troppo presto ”, ha scritto, un commento applicabile ad altri paesi che hanno visto risorgere.

Come l’Università di Oxford Centre for Evidence-Based Medicine , che ha esaminato 10 epidemie di malattie respiratorie al 1889, sottolinea: “La maggior parte del nostro pensiero sulla teoria della seconda ondata nasce dal 1918-1920 spagnola influenzale che infetta 500 milioni di persone in tutto il mondo e secondo quanto riferito ha ucciso circa 20 milioni a 50 milioni “.

“‘Waves’ implica una mancanza di circolazione virale che è probabilmente un’illusione”, ha scritto Tom Jefferson e Carl Heneghan all’inizio dell’epidemia nel Regno Unito.

“Le onde sono anche visibili e per lo più ritmiche. Non sembra esserci alcun modello o ritmo per le epidemie riassunte nella tabella e il loro andirivieni sono visibili solo a causa degli effetti sul corpo umano e del loro impatto sulla società. “

La malattia ha scarso rispetto delle frontiere terrestri, anche quando le autorità hanno cercato di sigillarle; forse l’unico paese che sembra aver eliminato del tutto la malattia è la Nuova Zelanda, una nazione insulare che ha ridotto quasi tutti i viaggi in entrata.

Più importante della descrizione di qualsiasi aumento nei casi è la gestione della salute pubblica dell’aumento, ha aggiunto Neal, e ha ammonito che identificare una vera seconda ondata potrebbe aver bisogno della prospettiva del tempo.

“Sta determinando quando abbiamo [una seconda ondata] che è il problema. Nell’influenza spagnola era abbastanza evidente. Ma solo dopo l’evento.

“L’OMS sta guardando le figure del mondo e queste sono ancora in aumento, quindi come pandemia siamo nella prima ondata.”

dal sito www.theguardian.com