Si dice che il Vaticano sia stato violato dalla Cina prima di parlare con Pechino

di | 1 Ago 2020

Si dice che il Vaticano sia stato violato dalla Cina prima di parlare con Pechino

In un attacco, gli hacker hanno armato un file elettronico con una lettera che aveva una nota di cordoglio del cardinale Pietro Parolin, segretario di stato del Vaticano.

Gli hacker cinesi si sono infiltrati nelle reti informatiche del Vaticano negli ultimi tre mesi, ha concluso un gruppo di monitoraggio privato, in un apparente sforzo di spionaggio prima dell’inizio di delicati negoziati con Pechino.

L’attacco è stato rilevato da Recorded Future, una società con sede a Somerville, in Massachusetts. Il Partito comunista cinese ha condotto una vasta campagna per rafforzare la sua presa sui gruppi religiosi, in quello che i leader del governo hanno periodicamente definito come uno sforzo per “Sinicizzare le religioni” nel paese.

La Cina riconosce ufficialmente cinque religioni, incluso il cattolicesimo, ma le autorità spesso sospettano che gruppi religiosi e adoratori abbiano minato il controllo del Partito Comunista e dello Stato e che abbiano minacciato la sicurezza nazionale del Paese.

Gli hacker cinesi e le autorità statali hanno spesso usato attacchi informatici per cercare di raccogliere informazioni su gruppi di tibetani buddisti, uiguri musulmani e praticanti del Falun Gong fuori dalla Cina.

Ma questa sembra essere la prima volta che gli hacker, presunti dagli esperti di sicurezza informatica di Recorded Future per lavorare per lo stato cinese, sono stati catturati pubblicamente direttamente hackerando in Vaticano e la missione di studio della Santa Sede in Cina, il gruppo con sede a Hong Kong dei rappresentanti vaticani di fatto che hanno avuto un ruolo nel negoziare lo status della Chiesa cattolica.

Si prevede che il Vaticano e Pechino inizieranno i colloqui a settembre sul controllo della nomina dei vescovi e sullo status delle case di culto come parte del rinnovo di un accordo provvisorio firmato nel 2018 che ha rivisto i termini delle operazioni della Chiesa cattolica in Cina.

La serie di intrusioni è iniziata ai primi di maggio. Un attacco è stato nascosto all’interno di un documento che sembrava essere una lettera legittima dal Vaticano a mons. Javier Corona Herrera, cappellano che dirige la missione di studio a Hong Kong, ha dichiarato Recorded Future in un rapporto pubblicato questa settimana .

Era un inganno astuto: un file elettronico che sembrava sulla cancelleria ufficiale dell’arcivescovo Edgar Peña Parra. La lettera riportava un messaggio del cardinale Pietro Parolin, il segretario di stato del Vaticano, il secondo al comando del papa e una vecchia mano cinese che ha difeso l’affare. Nel suo messaggio, il cardinale Parolin ha espresso la tristezza del papa per la morte di un vescovo.

Non è chiaro se la lettera sia stata fabbricata o un vero documento che gli aggressori avevano ottenuto e quindi collegato a malware che consentiva loro di accedere ai computer degli uffici della chiesa di Hong Kong e ai server di posta del Vaticano. Recorded Future ha concluso che l’attacco era molto probabilmente collegato ai negoziati sull’estensione dell’accordo del 2018.

dal sito www.nytimes.com