“Il Covid-19 può viaggiare oltre un metro e mezzo, anche da asintomatici”: lo studio

“Il Covid-19 può viaggiare oltre un metro e mezzo, anche da asintomatici”: lo studio

I risultati di una ricerca dell’Australian National University: “Evidenze che le particelle possano viaggiare a diversi metri, anche quando la persona parla ed è senza sintomi. Opportuna la mascherina”

Il Covid-19 può trasmettarsi attraverso microscopiche particelle che viaggiano oltre il metro e mezzo? A gettare nuova luce sull’argomento sono gli scienziati dell’Australian National University, guidati dal professor Sotiris Vardoulakis, analizzando dati sull’infezione da coronavirus da 15mila studi in tutto il mondo, hanno compilato dati che indicano come le particelle possano viaggiare per “diversi metri” nell’aria.

I risultati dello studio, pubblicato sull’Australia and New Zealand Journal of Public Health, confermano che particelle di maggiori dimensioni possono essere trasportate da goccioline respiratorie che si depositano tra un metro e 1,5 metri da una persona che tossisce o starnutisce. “Tuttavia le prove che stanno emergendo indicano che particelle molto più piccole possono essere trasmesse a distanze maggiori, anche quando la persona parla, anche da individui asintomatici che non starnutiscono o tossiscono”, scrive Vardoulakis, docente di Salute ambientale globale dell’università stessa.

“Le goccioline possono essere fino a 50 volte più piccole di un capello, invisibili all’occhio umano. Temiamo che la trasmissione del virus possa avvenire attraverso una serie di percorsi ambientali, anche di particelle sospese nell’aria, note come aerosol, che possono rimanere nell’aria fino a tre ore”. Vardoulakis sottolinea che la ricerca non è definitiva, ma osserva che gli ultimi dati confermano che è opportuno indossare la mascherina. Lo studioso, che è anche membro della Public Health Association of Australia, sottolinea inoltre la necessità di una maggiore ventilazione dell’aria nei luoghi chiusi e sui trasporti pubblici.

E aggiunge che i depuratori d’aria dotati di filtri HEPA (High-efficiency particulate air) possono rimuovere la polvere o il polline che potenzialmente trasporta il virus. Si tratta di filtri che vengono utilizzati negli aeroplani e catturano almeno il 99,97% delle particelle sospese nell’aria di dimensioni superiori a 0,3 micron.

 

dal sito www.huffingtonpost.it