La pandemia di coronavirus potrebbe finire entro due anni – capo dell’OMS

di | 1 Set 2020

La pandemia di coronavirus potrebbe finire entro due anni – capo dell’OMS

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma di sperare che la pandemia di coronavirus finirà in meno di due anni.

Parlando a Ginevra, Tedros Adhanom Ghebreyesus ha detto che l’influenza spagnola del 1918 aveva impiegato due anni per superare.

Ma ha aggiunto che gli attuali progressi nella tecnologia potrebbero consentire al mondo di fermare il virus “in un tempo più breve”.

“Ovviamente con una maggiore connettività, il virus ha maggiori possibilità di diffondersi”, ha detto.

“Ma allo stesso tempo, abbiamo anche la tecnologia per fermarlo e le conoscenze per fermarlo”, ha osservato, sottolineando l’importanza di “unità nazionale, solidarietà globale”.

L’influenza del 1918 ha ucciso almeno 50 milioni di persone.

Il coronavirus ha finora ucciso 800mila persone. Sono state registrate quasi 23 milioni di infezioni, ma si ritiene che il numero di persone che hanno effettivamente avuto il virus sia molto più alto a causa di test inadeguati e casi asintomatici.

Il prof. Sir Mark Walport, membro dello Scientific Advisory Group for Emergencies (Sage) del Regno Unito, sabato ha detto che il Covid-19 “sarebbe stato con noi per sempre in una forma o nell’altra”.

“Quindi, un po ‘come l’influenza, le persone avranno bisogno di una nuova vaccinazione a intervalli regolari”, ha detto alla BBC.

A Ginevra, il dottor Tedros ha affermato che la corruzione relativa alle forniture di dispositivi di protezione individuale (DPI) durante la pandemia è “inaccettabile”, definendola “omicidio”.

“Se gli operatori sanitari lavorano senza DPI, stiamo rischiando la vita. E questo rischia anche la vita delle persone che servono”, ha aggiunto, in risposta a una domanda.

Sebbene la domanda riguardasse le accuse di corruzione in Sud Africa, diversi paesi hanno dovuto affrontare problemi simili.

Venerdì, nella capitale del Kenya, Nairobi, si sono svolte proteste per presunta corruzione durante la pandemia, mentre i medici di diversi ospedali pubblici della città hanno scioperato per salari non pagati e mancanza di equipaggiamento protettivo.

Lo stesso giorno, il capo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS ha avvertito che l’entità dell’epidemia di coronavirus in Messico era “chiaramente sottovalutata”.

Il dottor Mike Ryan ha detto che l’equivalente di circa tre persone su 100.000 veniva testato in Messico, rispetto a circa 150 su 100.000 negli Stati Uniti.

Il Messico ha il terzo più alto numero di morti al mondo, con quasi 60.000 decessi registrati dall’inizio della pandemia, secondo la Johns Hopkins University.

Negli Stati Uniti, il candidato democratico Joe Biden si è impegnato a introdurre un mandato nazionale per indossare maschere se eletto, e ha attaccato la gestione della pandemia da parte del presidente Donald Trump.

“Il nostro attuale presidente ha fallito nel suo dovere fondamentale nei confronti della nazione. Non è riuscito a proteggerci. Non è riuscito a proteggere l’America”, ha detto Biden.

Venerdì negli Stati Uniti sono stati annunciati oltre 1.000 nuovi decessi, portando il numero totale di vittime a 173.490.

Cosa sta succedendo altrove?
Venerdì, un certo numero di paesi ha annunciato il maggior numero di nuovi casi da mesi.

La Corea del Sud ha registrato 324 nuovi casi, il più alto totale giornaliero da marzo.

Come per la sua precedente epidemia, le nuove infezioni sono state collegate a chiese e musei, discoteche e bar karaoke sono stati ora chiusi dentro e intorno alla capitale Seoul in risposta.

Anche alcuni paesi europei stanno assistendo a un aumento.

La Polonia e la Slovacchia hanno entrambe annunciato venerdì record di nuovi contagi giornalieri, rispettivamente con 903 e 123 casi, mentre Spagna e Francia hanno registrato aumenti drammatici negli ultimi giorni.

In Libano, è entrato in vigore un blocco parziale di due settimane, compreso un coprifuoco notturno, poiché il paese ha registrato il numero più alto di casi dall’inizio della pandemia.

Le infezioni sono raddoppiate da quando un’esplosione devastante nella capitale Beirut ha ucciso almeno 178 persone e ne ha ferite altre migliaia il 4 agosto.

Il disastro ha lasciato circa 300.000 persone senza casa e ha messo a dura prova le strutture mediche.

In Africa i casi medi giornalieri di coronavirus sono diminuiti la scorsa settimana, in quello che il capo dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie, dott. John Nkengasong, ha definito un “segno di speranza”.

La media giornaliera in tutto il continente è stata di 10.300 la scorsa settimana, in calo rispetto agli 11.000 della settimana precedente.

dal sito www.bbc.com