Le morti per coronavirus superano un milione in tutto il mondo

Negli ultimi 10 mesi, il virus ha causato più vittime dell’HIV, della malaria, dell’influenza e del colera. E poiché semina distruzione nella vita quotidiana in tutto il mondo, sta ancora crescendo rapidamente.

Più dell’HIV Più della dissenteria. Più che malaria, influenza, colera e morbillo – messi insieme.

Nei 10 mesi trascorsi da quando una misteriosa polmonite ha iniziato a colpire i residenti di Wuhan, in Cina, il Covid-19 ha ucciso più di un milione di persone in tutto il mondo a partire da lunedì – un tributo agonizzante compilato dai conteggi ufficiali, ma che sottovaluta di gran lunga quanti siano realmente morti. Potrebbe già aver superato la tubercolosi e l’epatite come malattia infettiva più mortale del mondo e, a differenza di tutti gli altri contendenti, è ancora in rapida crescita.

Come nulla visto in più di un secolo, il coronavirus si è infiltrato in ogni zona popolata del globo, seminando terrore e povertà , infettando milioni di persone in alcune nazioni e paralizzando intere economie. Ma poiché l’attenzione si concentra sulla devastazione causata dall’arresto di gran parte della vita commerciale, educativa e sociale del mondo, è fin troppo facile perdere di vista il costo umano più diretto.

Più di un milione di persone – genitori, figli, fratelli, amici, vicini di casa, colleghi, insegnanti, compagni di classe – se ne sono andati tutti, all’improvviso, prematuramente. Coloro che sopravvivono al Covid-19 rimangono a terra per settimane o addirittura mesi prima di riprendersi e molti hanno effetti negativi persistenti la cui gravità e durata rimangono poco chiare.

Eppure gran parte della sofferenza avrebbe potuto essere evitata – uno degli aspetti più strazianti di tutti.

“Questo è un evento globale molto grave, e molte persone si sarebbero ammalate e molte di loro sarebbero morte, ma non doveva essere così grave”, ha detto Tom Inglesby, il direttore del Johns Hopkins Center for Health Security, che mira a proteggere la salute delle persone da epidemie e disastri.

Luoghi come la Cina, la Germania , la Corea del Sud e la Nuova Zelanda hanno dimostrato che è possibile rallentare la pandemia abbastanza da limitare le infezioni e i decessi mentre si riaprono ancora aziende e scuole.

Ma ciò richiede una combinazione di elementi che potrebbero essere al di là della portata dei paesi più poveri e che anche quelli come gli Stati Uniti non sono stati in grado di raccogliere: test su larga scala, tracciamento dei contatti, messa in quarantena, allontanamento sociale, indossare maschere, fornire equipaggiamento protettivo , sviluppando una strategia chiara e coerente ed essere disposti a chiudere le cose in fretta quando sorgono problemi.

Nessuno o due o tre fattori sono la chiave. “È tutto un ecosistema. Funziona tutto insieme “, ha detto Martha Nelson, scienziata del National Institutes of Health specializzata in epidemie e genetica virale e che studia Covid-19.

Dipende dalle risorse, dalla vigilanza, dalla volontà politica e dal fatto che quasi tutti prendono sul serio la minaccia – condizioni più difficili da raggiungere quando la malattia è politicizzata, quando i governi reagiscono lentamente o in modo incoerente e quando ogni stato o regione va per la propria strada, consigliabile o meno.

“Una cosa è avere tutte le capacità tecniche, ma se i nostri leader minano la scienza, riducono al minimo l’epidemia o rassicurano falsamente le persone, mettiamo a rischio tutto il resto”, ha detto il dott. Inglesby.

Di volta in volta, dicono gli esperti, i governi hanno reagito troppo lentamente, aspettando che i propri paesi o regioni fossero sotto assedio, respingendo la minaccia o considerandola un problema della Cina, o dell’Asia, o dell’Italia, o dell’Europa, o di New York.

Thomas R. Frieden, ex capo dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha affermato che una delle principali carenze era stata nella comunicazione dei governi con il pubblico, in nessun altro luogo più che negli Stati Uniti.

“Hai principi standard di comunicazione del rischio: sii primo, sii giusto, sii credibile, sii empatico”, ha detto. “Se hai cercato di violare quei principi più di quanto ha fatto l’amministrazione Trump, non credo che potresti.”

Il mondo ora sa come piegare la curva della pandemia – non per eliminare il rischio, ma per mantenerlo a un livello gestibile – e ci sono state sorprese lungo il percorso.

dal sito www.nytimes.com