Istat, crollo del turismo e delle presenze straniere, città d’arte, hotel, diminuiscono anche i viaggi di lavoro

Istat, crollo del turismo e delle presenze straniere, città d’arte, hotel, diminuiscono anche i viaggi di lavoro

Profondo rosso nei principali dati diffusi dall’Istat su movimento turistico in Italia, nei primi 3 trimestri del 2020. Nei primi otto mesi del 2020 le notti trascorse nelle strutture ricettive nella UE sono state circa 1,1 miliardi con un calo di oltre il 50% rispetto all’anno 2019 stesso periodo. IL comparto alberghiero è quello di maggiore sofferenza. Le presenze nei primi 9 mesi del 2020 sono meno della metà ovvero il 46% di quelle rilevate nel 2019, mentre quelle del settore extra alberghiero il 54,4%. Sono calati gli stranieri del 68,6%. Molto danneggiati le grandi mostre d’arte che registrano un crollo del 73,2% delle presenze mentre nel 2019 erano state circa un quinto delle presenze totali. I viaggi di lavoro sono diminuiti del 59% e quelli delle vacanze del 23%.

Redazione

Immagine dal sito www.italiachiamaitalia.it