La Cina chiede un ripristino, ma gli Stati Uniti dicono che Pechino cerca di “ evitare la colpa ”

La Cina chiede un ripristino, ma gli Stati Uniti dicono che Pechino cerca di “ evitare la colpa ”

L’alto diplomatico cinese Wang Yi ha detto lunedì che Stati Uniti e Cina potrebbero lavorare insieme su varie questioni se riparassero le loro relazioni bilaterali danneggiate, ma Washington ha accusato Pechino di cercare di evitare la colpa per le sue azioni.

Wang, un consigliere di stato cinese e ministro degli esteri, ha detto che Pechino è pronta a riaprire un dialogo costruttivo dopo che i legami sono affondati al minimo degli ultimi decenni sotto l’ex presidente Donald Trump.

Ma ha esortato Washington a rispettare gli interessi fondamentali della Cina, a smettere di “calunniare” il Partito Comunista al governo, a smettere di interferire negli affari interni di Pechino e a smettere di “connivere” con le forze separatiste per l’indipendenza di Taiwan.

Ha invitato gli Stati Uniti a rimuovere i dazi sui beni cinesi e ad abbandonare quella che ha detto essere una soppressione irrazionale del settore tecnologico cinese.

In risposta, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha detto ai giornalisti: “I suoi commenti riflettono un modello continuo della tendenza di Pechino a scongiurare la colpa per le sue pratiche economiche predatorie, la sua mancanza di trasparenza, la sua incapacità di onorare i suoi accordi internazionali e la sua repressione dei diritti umani universali. . “

L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto separatamente ai giornalisti che gli Stati Uniti vedevano il rapporto con la Cina come uno di “forte concorrenza”.

Prima che Wang parlasse a un forum sponsorizzato dal ministero degli Esteri, i funzionari hanno riprodotto filmati della “diplomazia del ping-pong” del 1972, quando uno scambio di giocatori di tennis da tavolo aprì la strada all’allora presidente degli Stati Uniti Richard Nixon in visita in Cina.

“Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno sostanzialmente interrotto il dialogo bilaterale a tutti i livelli”, ha detto Wang in un discorso preparato tradotto in inglese.

“Siamo pronti ad avere una comunicazione schietta con gli Stati Uniti e ad impegnarci in dialoghi volti a risolvere i problemi”.

Wang ha indicato una recente chiamata tra il presidente cinese Xi Jinping e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden come un passo positivo. Biden è succeduto a Trump come presidente il 20 gennaio.

Washington e Pechino si sono scontrate su più fronti, tra cui il commercio, le accuse di crimini sui diritti umani contro le minoranze musulmane uiguri nella regione dello Xinjiang e le rivendicazioni territoriali di Pechino nel Mar Cinese Meridionale ricco di risorse.

L’amministrazione Biden ha segnalato che manterrà la pressione su Pechino. Il presidente ha espresso preoccupazione per le pratiche commerciali “coercitive e ingiuste” della Cina e ha approvato la determinazione dell’amministrazione Trump secondo cui la Cina ha commesso un genocidio nello Xinjiang.

Affrontare la Cina è una delle poche aree in cui Democratici e Repubblicani nel Congresso degli Stati Uniti trovano un terreno comune.

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, in una dichiarazione sulla repressione della Cina contro Hong Kong, una volta semiautonoma, lunedì ha esortato a considerare le conseguenze severe per Pechino.

“Il governo cinese deve sapere che il mondo sta osservando il suo strangolamento dei diritti umani e che dobbiamo mettere sul tavolo tutte le opzioni per ritenere la Cina responsabile”, ha detto Pelosi, un democratico.

dal sito  www.reuters.com