Il bilancio delle vittime in Myanmar supera le 500 vittime mentre i manifestanti sfidano le forze della giunta

Il bilancio delle vittime in Myanmar supera le 500 vittime mentre i manifestanti sfidano le forze della giunta

Le forze di sicurezza del Myanmar hanno ucciso almeno 510 civili in quasi due mesi di sforzi per fermare le proteste contro un colpo di stato del 1 febbraio, ha detto lunedì un gruppo di difesa, mentre migliaia di persone sono scese di nuovo in piazza nonostante il crescente bilancio.

Altri 14 civili sono stati uccisi lunedì, ha detto l’Associazione di assistenza per i prigionieri politici (AAPP), in quanto ha aggiornato anche i dati dei giorni precedenti. Il totale delle vittime di sabato, il giorno più sanguinoso fino a quel momento, era salito a 141, i dati mostrano.

La Casa Bianca ha condannato le uccisioni di civili come un uso “aberrante” della forza letale e ha rinnovato un appello per il ripristino della democrazia, mentre il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha esortato i generali del Myanmar a fermare gli omicidi e la repressione delle manifestazioni.

I morti di lunedì ne includevano almeno otto nel sobborgo di South Dagon della città principale del Myanmar, Yangon, ha detto l’AAPP.

Le forze di sicurezza hanno sparato con un’arma di calibro molto più pesante del solito per ripulire una barricata di sacchi di sabbia, hanno detto testimoni e mostrato un videoclip. Non è stato immediatamente chiaro di che tipo, anche se un gruppo della comunità ha pubblicato la foto di un soldato con un lanciagranate.

La televisione di Stato ha detto che le forze di sicurezza hanno utilizzato “armi antisommossa” per disperdere una folla di “terroristi violenti” che stavano distruggendo un marciapiede e un uomo è rimasto ferito.

La polizia e un portavoce della giunta non hanno risposto alle chiamate in cerca di commenti.

Due persone sono state uccise anche nella sparatoria nella città centrale di Myingyan, ha detto a Reuters il leader studentesco Moe Myint Hein.

Nonostante la violenza, le folle si sono diffuse nelle città di tutto il paese, secondo i post sui media e sui social media.

 

dal sito www.reuters.com