Lo studio che racconta come la lobby dell’industria alimentare condiziona la ricerca scientifica

Lo studio che racconta come la lobby dell’industria alimentare condiziona la ricerca scientifica

È dimostrato che gli attori dell’industria alimentare cercano di plasmare la scienza che si occupa di nutrizione e salute a proprio vantaggio. A dirlo è uno studio pubblicato sulla rivista Globalizzazione e salute, coordinata da Mélissa Mialon, ricercatrice della Trinity Business School, Trinity College di Dublino. “Abbiamo condotto un’analisi qualitativa dei documenti, triangolando i dati da una revisione dell’ambito esistente, informazioni disponibili pubblicamente, documenti interni del settore e richieste di informazioni sulla libertà esistenti” ha spiegato Mialon.

Le proprie linee guida
Secondo lo studio, le aziende alimentari hanno unito le forze attraverso l’International Life Sciences Institute, un’organizzazione finanziata dall’industria alimentare e biotech, a cui aderiscono Coca-cola, Nestlé, Basf, McDonald’s, Monsanto, Pepsi e Syngenta tra gli altri, per plasmare lo sviluppo di principi di integrità scientifica. “Queste attività sono iniziate nel 2007, in risposta diretta alle crescenti critiche al finanziamento della ricerca dell’industria alimentare” scrivono i ricercatori. L’Ilsi ha inizialmente costruito una letteratura di nicchia nella scienza alimentare e nella nutrizione sulle linee guida sui conflitti di interesse a livello individuale e di studio. Poiché la letteratura su questo argomento era scarsa, queste pubblicazioni sono state utilizzate e citate nell’ulteriore lavoro dell’Ilsi e di altri . Negli ultimi anni, Ilsi ha iniziato a proporre che le agenzie governative, le associazioni professionali, le organizzazioni non profit e altri, adottassero questi principi. Il lavoro di Ilsi sull’integrità scientifica ignora i rischi derivanti dall’accettazione di finanziamenti aziendali e non fornisce linee guida per proteggersi da questi rischi.

Una vera e propria strategia
Lo studio arriva a queste conclusioni: “Le attività sviluppate dall’ILSI sui principi dell’integrità scientifica fanno parte di un più ampio insieme di pratiche politiche degli attori del settore per influenzare la politica, la ricerca e la pratica della salute pubblica. È importante conoscere e contrastare queste pratiche poiché rischiano di plasmare standard scientifici per soddisfare gli interessi del settore piuttosto che quelli della salute pubblica”. Lo studio spiega: gli attori delle industrie del tabacco, degli alcolici e degli alimenti ultra trasformati utilizzano un’ampia gamma di strategie politiche per proteggere ed espandere i loro mercati. Gli studi che collegano il consumo di prodotti nocivi alla cattiva salute, o quelli che forniscono prove sull’efficacia di una politica che limita i consumi, sono sistematicamente contestati, attaccati o indeboliti da aziende e terze parti che lavorano per loro conto. Gli attori dell’industria stanno anche plasmando l’agenda della ricerca finanziando la scienza orientata al commercio (ricerca sostenuta dall’industria) per sostenere i loro prodotti o pratiche.

Le pubblicazioni in conflitto d’interesse
Analogamente all’industria del tabacco, anche l’industria alimentare modella la scienza, attraverso il finanziamento e la diffusione di ricerche e informazioni al servizio dei suoi interessi e critica le prove che possono contrastare questi interessi. L’industria alimentare ha istituito e finanziato gruppi dal suono scientifico come l’International Life Science Institute, istituito nel 1978 da un ex dirigente della Coca-Cola, per promuovere la propria agenda negli spazi scientifici e politici. L’Ilsi ha rappresentato anche le compagnie del tabacco negli anni ’80 e ’90. Ilsi è attualmente composta da quindici rami, ciascuno con un’ampia gamma di membri dell’industria e del mondo accademico. Il ramo globale dell’Ilsi è governato da un consiglio di amministrazione che riunisce dipendenti dell’industria alimentare, compreso il settore agroalimentare (Ajinomoto, PepsiCo, Cargill) e accademici. La ricerca supportata dall’industria è inoltre soggetta a revisione tra pari da parte dell’industria stessa. Ilsi ha una propria rivista, Nutrition Reviews, tra le più popolari riviste di nutrizione. Uno studio recente ha rilevato che Nutrition Reviews ha la percentuale più alta di articoli con il coinvolgimento dell’industria (un quarto di tutti gli articoli di quella rivista) tra le prime 10 riviste di nutrizione. Alcuni esempi: La filiale nordamericana dell’Ilsi ha pubblicato quattro delle cinque pubblicazioni, con il supporto di grandi produttori di alimenti con sede negli Stati Uniti. Due autori dell’Ilsi hanno anche pubblicato un quinto articolo con un autore di DuPont Nutrition (DuPont), un produttore di integratori alimentari per l’industria alimentare.

dal sito www.ilsalvagente.it