Il Direttore Generale della FAO dice al G20: per avere cibo sano, abbiamo bisogno di un ambiente sano

di | 1 Ago 2021

Il Direttore Generale della FAO dice al G20: per avere cibo sano, abbiamo bisogno di un ambiente sano

Invertire la perdita di biodiversità e il degrado del suolo può raccogliere $ 1,4 trilioni all’anno

Il direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), QU Dongyu, ha invitato oggi i ministri dell’Ambiente del G20 a intensificare gli sforzi congiunti, aumentare gli investimenti e lavorare più a stretto contatto con la FAO per il gioco- mutevoli impatti sul pianeta.

Qu ha lanciato l’appello alla riunione ministeriale del G20 sull’ambiente, che ha discusso soluzioni per la natura e la sostenibilità, dalla lotta ai cambiamenti climatici alla costruzione di città sostenibili.

“Oggi, l’umanità deve affrontare una triplice crisi planetaria di perdita di biodiversità, crisi climatica e impatto della pandemia”, ha affermato il direttore generale.

“Per avere cibo sano, abbiamo bisogno di un ambiente sano”, ha sottolineato Qu in vista della sfida globale di dover soddisfare una crescente domanda di cibo e altri prodotti agricoli riducendo le emissioni di gas serra, nonché conservare la biodiversità, gestire in modo sostenibile le risorse naturali , compresa l’acqua, e proteggere e ripristinare gli ecosistemi.

Qu ha sostenuto con forza l’aumento dell’efficienza nell’uso dell’acqua e la promozione di una gestione sostenibile dell’acqua per affrontare la scarsità d’acqua e migliorare la qualità dell’acqua e del cibo.

Le vite di oltre un miliardo di persone sono gravemente limitate dalla scarsità o dalla penuria d’acqua; quasi un miliardo di ettari di terreni coltivati ​​e pascoli pluviali sono gravemente colpiti dalla siccità ricorrente; e oltre il 60 percento dei terreni coltivati ​​irrigati è sottoposto a stress idrico da elevato a molto elevato.

Queste sfide legate all’acqua potrebbero essere affrontate, ha affermato Qu, con l’aiuto dell’innovazione digitale, di meccanismi di governance più efficaci e di investimenti.

Il Direttore Generale della FAO ha anche sottolineato la necessità di intensificare gli approcci favorevoli alla biodiversità, compresi maggiori investimenti in azioni correlate.

“Gli attuali livelli di investimento sono molto insufficienti”, ha affermato il Direttore Generale della FAO.

Tuttavia, se potessimo finanziare completamente l’obiettivo di ripristinare la terra degradata, l’obiettivo di fermare la deforestazione potrebbe essere raggiunto entro il 2030, ha aggiunto Qu.

I vantaggi di questi sarebbero significativi. Ad esempio, invertire la deforestazione aiuterà a mitigare i cambiamenti climatici e ridurre il rischio di future ricadute zoonotiche. Invertire la perdita di biodiversità e il degrado del suolo può raccogliere 1,4 trilioni di dollari all’anno.

“Dobbiamo riutilizzare i sussidi agricoli con effetti dannosi sul nostro clima e sulla biodiversità. Dobbiamo investire nella ricerca e sviluppo a lungo termine per creare l’innovazione e le tecnologie necessarie per produrre di più con meno emissioni ed entro i nostri confini ambientali”, ha esortato Qu .

I settori agricoli offrono soluzioni chiave alle crisi della biodiversità e del clima.

Per supportare queste soluzioni, Qu ha anche chiesto un ambiente favorevole, che includa istituzioni, politiche e sostegno finanziario per i produttori su piccola scala, gli agricoltori familiari e le popolazioni indigene, che sono i veri custodi in situ delle nostre risorse naturali.

Il decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema, lanciato di recente, guidato dalla FAO e dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, ha fornito “un’eccellente opportunità per mobilitare i nostri sforzi collettivi”, ha osservato Qu.

Ha sottolineato che il lavoro della FAO è stato guidato dalla necessità di trasformare i sistemi agroalimentari, rendendoli più efficienti, resilienti, inclusivi e sostenibili, il tutto con l’obiettivo di raggiungere i “quattro migliori” della FAO: una migliore produzione, una migliore alimentazione, un ambiente migliore e una vita migliore, senza lasciare indietro nessuno.

FAO per la natura

Il pianeta sta perdendo biodiversità a un ritmo allarmante e la FAO chiede un’azione urgente per invertire questa tendenza.

Mettendo in atto ciò che raccomanda, la FAO sta integrando e intensificando approcci e azioni favorevoli alla biodiversità – dallo sviluppo di politiche, alla facilitazione del dialogo, all’attuazione di progetti e al sostegno ai paesi che fanno lo stesso – nei settori alimentare e agricolo.

La FAO, con i suoi membri e partner, sta contribuendo al Post-2020 Global Biodiversity Framework da adottare alla prossima Conferenza delle Nazioni Unite sulla Biodiversità che sostiene l’uso, la conservazione e il ripristino sostenibili della biodiversità e degli ecosistemi.

Nell’ambito degli sforzi del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino degli ecosistemi, la FAO si concentrerà sul ripristino degli ecosistemi per migliorare la sicurezza alimentare, trasformare i sistemi agroalimentari, affrontare il cambiamento climatico e preservare la biodiversità.

dal sito www.fao.org