I bisogni sanitari acuti in Afghanistan devono essere affrontati con urgenza e i vantaggi in termini di salute protetti

di | 1 Ott 2021

I bisogni sanitari acuti in Afghanistan devono essere affrontati con urgenza e i vantaggi in termini di salute protetti

Dichiarazione del dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, e del dott. Ahmed Al-Mandhari, direttore regionale dell’OMS per il Mediterraneo orientale durante la loro visita a Kabul

Abbiamo recentemente completato una missione di alto livello a Kabul, in Afghanistan, dove abbiamo incontrato membri di alto livello della leadership talebana, partner delle Nazioni Unite, operatori sanitari e pazienti e personale dell’OMS.

Il sistema sanitario afgano è sull’orlo del collasso. A meno che non venga intrapresa un’azione urgente, il paese deve affrontare un’imminente catastrofe umanitaria. La nostra visita ci ha permesso di testimoniare in prima persona i bisogni immediati del popolo afghano e di incontrare le parti interessate per definire i modi per aumentare urgentemente la nostra risposta sanitaria.

Agendo sui principi di neutralità e indipendenza delle Nazioni Unite, ci siamo impegnati in un dialogo costruttivo per affrontare le differenze e trovare soluzioni che ci consentiranno di continuare il nostro lavoro salvavita per milioni di afghani innocenti colpiti da decenni di conflitto.

Durante la nostra visita, ci siamo concentrati su una serie di questioni sanitarie prioritarie che richiedono attenzione immediata, nonché sulla necessità di investire nel raggiungimento di obiettivi di sviluppo a lungo termine.

I tagli al sostegno dei donatori al più grande progetto sanitario del paese, Sehetmandi, hanno lasciato migliaia di strutture sanitarie senza finanziamenti per forniture mediche e stipendi per il personale sanitario. Molte di queste strutture hanno ora ridotto le operazioni o sono state chiuse, costringendo gli operatori sanitari a prendere decisioni difficili su chi salvare e chi lasciare morire.

Solo il 17% di tutte le strutture sanitarie di Sehatmandi è ora completamente funzionante. Questa interruzione dei servizi sanitari sta avendo un effetto a catena sulla disponibilità di assistenza sanitaria di base ed essenziale, nonché sulla risposta alle emergenze, l’eradicazione della polio e gli sforzi di vaccinazione contro il COVID-19.

Nove dei 37 ospedali COVID-19 sono già stati chiusi e tutti gli aspetti della risposta COVID-19 sono diminuiti, inclusi sorveglianza, test e vaccinazione. Prima di agosto di quest’anno, 2,2 milioni di persone erano state vaccinate contro il COVID-19. Nelle ultime settimane, i tassi di vaccinazione sono diminuiti rapidamente mentre 1,8 milioni di dosi di vaccino COVID-19 nel paese rimangono inutilizzate. È necessaria un’azione rapida per utilizzare queste dosi nelle prossime settimane e lavorare per raggiungere l’obiettivo di vaccinare almeno il 20% della popolazione entro la fine dell’anno sulla base degli obiettivi nazionali.

L’Afghanistan è uno dei due paesi al mondo in cui la poliomielite rimane endemica. Con un solo caso di poliovirus selvaggio segnalato finora quest’anno, rispetto ai 56 del 2020, non c’è mai stato un momento migliore per eradicare la polio. Tuttavia, il programma antipolio farà fatica a rispondere se l’infrastruttura di immunizzazione di base inizia a crollare attorno ad essa. Si stanno diffondendo anche epidemie di morbillo. Con l’accesso a tutte le comunità non più ostacolato, l’OMS e i partner sono pronti per iniziare una campagna di vaccinazione contro la poliomielite a livello nazionale e includere la vaccinazione contro il morbillo e il COVID in una campagna integrata.

L’OMS sottolinea in particolare la necessità per le donne di mantenere l’accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria e al personale sanitario. Con meno strutture sanitarie operative e meno personale sanitario femminile che si reca al lavoro, le pazienti sono riluttanti a cercare assistenza. Ci impegniamo a lavorare con i partner per investire nell’educazione sanitaria di ragazze e donne, oltre a continuare a formare operatori sanitari femminili.

L’OMS continua inoltre a supportare un ampio programma sui traumi che include formazione, forniture e attrezzature per 130 ospedali e 67 banche del sangue.

Ribadiamo l’impegno a lungo termine dell’OMS per il progresso della salute di tutti gli afghani e ricordiamo a tutte le parti interessate i nostri obblighi collettivi oggi e nei mesi e negli anni a venire.

RIGUARDO CHI
L’OMS sta svolgendo un ruolo di primo piano nel coordinamento degli attori sanitari in Afghanistan, compreso il Ministero della sanità pubblica e più di 50 organizzazioni. Siamo stati la prima agenzia umanitaria a consegnare medicinali e forniture mediche nell’agosto 2021. Ad oggi, otto spedizioni separate di quasi 170 tonnellate di forniture mediche salvavita sono state consegnate con il sostegno di Qatar, Pakistan, Emirati Arabi Uniti e il Programma alimentare mondiale.

dal sito www.who.int