Il presidente Biden promette 500 milioni di dosi di vaccino in più al mondo in via di sviluppo

Il presidente Biden promette 500 milioni di dosi di vaccino in più al mondo in via di sviluppo

Gli Stati Uniti doneranno 500 milioni di dosi in più del vaccino Pfizer alle nazioni in via di sviluppo a partire dal prossimo anno.

Il presidente Joe Biden si è impegnato in un vertice virtuale sul Covid-19 a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, promettendo un “arsenale di vaccini”.
I colpi aggiuntivi vedranno l’impegno totale degli Stati Uniti sulla condivisione dei vaccini superare il miliardo di colpi.
Gli esperti affermano che sono necessarie circa 11 miliardi di dosi per vaccinare almeno il 70% della popolazione mondiale.
L’Organizzazione mondiale della sanità ha fissato un obiettivo minimo del 40% di copertura vaccinale in ogni paese entro la fine del 2021.
Ma è improbabile che l’obiettivo venga raggiunto.
Mentre molti paesi ad alto reddito hanno ora somministrato almeno un’iniezione a più della metà della loro popolazione, solo il 2% delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto la prima dose, secondo i dati dell’Università di Oxford.

La fornitura globale di vaccini è ancora in ritardo
Analisi di Stephanie Hegarty, corrispondente dalla popolazione della BBC
È un grande impegno, ma sarà accolto con una buona dose di scetticismo da parte dei paesi ancora in attesa di vaccinare anche il 2% della loro popolazione.
Gli Stati Uniti avevano già promesso 580 milioni di dosi, ma finora ne hanno consegnate solo 160 milioni.
Allora cosa c’è di diverso adesso? Bene, la produzione globale è aumentata negli ultimi mesi e ci sono dosi disponibili.
Secondo la società di analisi scientifica Airfinity, i paesi ricchi potrebbero avere 1,2 miliardi di dosi di riserva entro la fine dell’anno, anche se lanciano campagne di richiamo. 241 milioni di questi potrebbero andare sprecati se non vengono donati. Ma questi devono essere inviati molto presto.
Covax, il programma sostenuto dall’OMS per aiutare a distribuire i vaccini in modo equo, ha detto alla BBC che troppe donazioni che sta ricevendo sono arrivate in piccole quantità, all’ultimo minuto e con poco tempo prima che scadano.
Ciò rende molto difficile il loro compito di portarli dove sono necessari. Se Biden vuole raggiungere questo ambizioso obiettivo di vaccinare il mondo entro questo periodo l’anno prossimo, questo dovrà cambiare.
Il vertice sul Covid della Casa Bianca arriva mentre la ricerca mostra che i paesi ricchi detengono ancora eccedenze di vaccini, molti dei quali potrebbero presto essere eliminati.
A giugno, i membri del G7 – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – si sono impegnati a donare un miliardo di dosi ai paesi poveri nel prossimo anno.
Il presidente Biden ha promesso 580 milioni all’epoca, di cui gli Stati Uniti hanno consegnato finora solo 160 milioni.
I vaccini donati vengono instradati attraverso Covax, lo schema globale sostenuto dall’OMS per ottenere le dosi dove sono più necessarie.
Covax acquista e poi vende vaccini a basso costo ai paesi a medio reddito e dona ai paesi poveri.
Negli Stati Uniti – dove oltre il 76% degli adulti ha ricevuto almeno una dose – sono cresciute le critiche secondo cui il Paese sta facendo troppo poco per aiutare il resto del mondo.
Venerdì, un gruppo di consulenti della Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha raccomandato dosi di richiamo – terze dosi – del vaccino Pfizer per le persone di età pari o superiore a 65 anni.
L’OMS ha precedentemente invitato le nazioni più ricche a trattenere la fornitura di booster fino a quando i tassi di vaccinazione non saliranno nei paesi meno sviluppati.
La scorsa settimana, in una lettera al signor Biden, otto legislatori del suo stesso partito hanno scritto: “Chiaramente, c’è una distribuzione iniqua delle dosi di vaccino contro il Covid-19, e sta peggiorando”.

dal sito www.bbc.com