Rapporto sullo sviluppo rurale 2021 dell’IFAD

Rapporto sullo sviluppo rurale 2021 dell’IFAD

Trasformare i sistemi alimentari per la prosperità rurale

I nostri sistemi alimentari ci stanno fallendo. Dal clima, all’ambiente, alla nutrizione, alla salute umana e al benessere, non stanno fornendo i risultati di cui tutti abbiamo bisogno. Nel frattempo, la vita di oltre 700 milioni di persone è segnata dalla fame.

Abbiamo urgente bisogno di sistemi alimentari che forniscano diete adeguate e nutrienti per tutti e, soprattutto, abbiamo bisogno di sistemi in grado di fornire mezzi di sussistenza dignitosi a tutti coloro che coltivano, trasformano, immagazzinano e commercializzano il nostro cibo.

Questa è una preoccupazione particolarmente pressante per le piccole aziende agricole del mondo. Nonostante le loro dimensioni, queste fattorie danno un enorme contributo al nostro approvvigionamento alimentare globale: fattorie di 2 ettari o meno producono collettivamente il 31% del cibo mondiale su meno dell’11% dei suoi terreni agricoli. Tendono anche a produrre una maggiore ricchezza e diversità di nutrizione rispetto alle aziende agricole su larga scala. Ma nonostante il loro contributo a nutrire il mondo, i piccoli agricoltori sono particolarmente inclini a soffrire la povertà e la fame.

Inoltre, le aziende agricole di piccole dimensioni e le persone che vi lavorano devono affrontare una serie di vincoli. Oltre agli impatti del cambiamento climatico, queste fattorie devono fare i conti con l’invasione delle fattorie industriali e gli sconvolgimenti sociali e politici che si verificano in molti luoghi del mondo. Il fallimento di questi sistemi rappresenta un pericolo non solo per i mezzi di sussistenza delle popolazioni rurali, ma anche per la salute umana, l’ambiente, la stabilità globale e il futuro dei nostri figli.

Il Rapporto sullo sviluppo rurale 2021 dell’IFAD si concentra su “Trasformare i sistemi alimentari per la prosperità rurale”. Descrive i problemi sistemici che hanno portato alla situazione in cui ci troviamo, identifica le priorità per trasformare i nostri sistemi alimentari e fornisce azioni raccomandate per ottenere un cambiamento significativo.

Il Rapporto sullo sviluppo rurale 2021 viene lanciato alla vigilia del Vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, un incontro di importanti esperti di cibo e nutrizione che segna l’inizio della trasformazione dei nostri sistemi alimentari nel contesto degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Quindi, in questo momento propizio, quali spunti ci offre il Rapporto sullo sviluppo rurale?

Una questione importante riguarda ciò che chiamiamo il “midstream” dei sistemi alimentari. Il midstream include tutte le attività che avvengono dopo il cancello dell’azienda agricola – commercio, stoccaggio, lavorazione e distribuzione di cibo ai consumatori – così come le aziende che forniscono input agli agricoltori. Questo segmento del sistema alimentare ha un forte potenziale per generare occupazione dignitosa.

Attualmente, molti paesi in via di sviluppo stanno attraversando una transizione in questo settore, con le loro correnti intermedie in rapida crescita e che comprendono una gamma e una complessità di attività più ampie. Lo sviluppo di questi midstream dovrebbe quindi essere incentrato sulle piccole e medie imprese (PMI) locali e sul loro potenziale di creazione di posti di lavoro. Questi posti di lavoro, oltre al potenziale per generare connessioni tra PMI intermedie e piccoli agricoltori locali, possono aiutare a creare sistemi alimentari che funzionino per le popolazioni rurali.

Ma questo può essere ottenuto solo se vengono messe in atto le politiche giuste, in particolare quelle che promuovono gli investimenti nelle PMI e scoraggiano il dominio del midstream da parte delle grandi aziende. Anche i programmi di sviluppo delle competenze dei dipendenti saranno importanti, così come garantire il miglioramento delle condizioni di lavoro attraverso regolamenti pubblici.

Un altro aspetto chiave dello sviluppo midstream è la creazione di connessioni di ogni tipo, dalla costruzione di strade e ponti migliori all’estensione dell’accesso alle tecnologie digitali. Le PMI trarranno vantaggio da un migliore accesso a fonti alimentari diverse e nutrienti, mentre gli agricoltori trarranno vantaggio da un più facile accesso ai fattori di produzione e ai mercati.

Questo ci porta a un’altra priorità strettamente correlata evidenziata nella relazione: consentire ai piccoli agricoltori di guadagnare ricompense dignitose ed eque per il loro lavoro.

Il Rapporto sullo sviluppo rurale 2021 mostra che le piccole aziende agricole sono notevolmente produttive e contribuiscono con una maggiore diversità di cibo rispetto alle aziende agricole più grandi. Tuttavia, i piccoli agricoltori devono far fronte a molti vincoli – come la mancanza di accesso alla terra, i diritti all’acqua, i finanziamenti, l’informazione e le nuove tecnologie – che limitano la loro produttività e li mantengono poveri. Un’equa trasformazione dei sistemi alimentari deve quindi avere al centro i piccoli agricoltori, integrati da PMI locali intermedie che li colleghino ai servizi e ai mercati essenziali.

Ciò significa sostenere questi agricoltori per superare questi vincoli. Significa anche far funzionare i mercati per loro eliminando le fonti sistemiche di pregiudizio e disuguaglianza. Il Rapporto descrive questi problemi sistemici, insieme ai molteplici modi in cui i sistemi commerciali globali sono prevenuti contro i piccoli agricoltori. Mostra come, sebbene gli agricoltori in alcune parti del mondo beneficino di accordi commerciali e sussidi vantaggiosi, vi è scarso sostegno per l’agricoltura su piccola scala nei paesi in cui le esigenze sono maggiori.

Pertanto, il Rapporto sullo sviluppo rurale 2021 chiede un riequilibrio delle normative di mercato e commerciali in modo che sostengano, anziché discriminare, le popolazioni rurali povere. I mercati alimentari devono essere accessibili ai piccoli agricoltori – e ad altre PMI che lavorano nei sistemi alimentari – a condizioni eque.

Il Rapporto fornisce analisi dettagliate e raccomandazioni politiche in queste aree così come in molte altre, comprese le diete nutrienti, la perdita e lo spreco di cibo, la lavorazione degli alimenti e il ruolo degli alimenti di origine animale. Queste raccomandazioni sono particolarmente pertinenti in un momento in cui il mondo è pronto a riunirsi per mettere in atto un’agenda condivisa per il futuro dei nostri sistemi alimentari.

Puoi scaricare il Rapporto per intero o sfogliarlo sul nostro sito web dedicato .

dal sito www.ifad.org