Ue, Von der Leyen: “Ecco RepowerUe, il piano energetico congiunto per essere autonomi da Mosca”

Ue, Von der Leyen: “Ecco RepowerUe, il piano energetico congiunto per essere autonomi da Mosca”

“Una via operativa da seguire, con un meccanismo di appalto congiunto e un comune approccio ai paesi fornitori per proteggere le importazioni di energia di cui abbiamo bisogno, senza concorrenza tra i nostri Stati membri” ha detto

Si chiama RepowerEU ed è il piano con cui l’Europa punta all’ indipendenza energetica da Mosca entro il 2027.

Una via operativa da seguire all’interno della quale i 27 leader di governo dell’UE hanno deciso di creare una piattaforma per l’acquisto congiunto di gas, gpl e idrogeno. Un meccanismo di appalto congiunto e un comune approccio ai paesi fornitori.

“In questo modo, possiamo proteggere le importazioni di energia di cui abbiamo bisogno senza concorrenza tra i nostri Stati membri”, ha annunciato oggi la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, presentando il piano.

“Dobbiamo ridurre la nostra dipendenza energetica dalla Russia il più rapidamente possibile. Lo possiamo fare. Per questo oggi presentiamo il RepowerEu”, ha continuato la von der Leyen. “Possiamo sostituire i combustibili fossili russi lavorando su tre livelli: dal lato della domanda, con il risparmio energetico. Dal lato dell’offerta, diversificando le nostre importazioni di energia dai combustibili fossili e accelerando la transizione verso l’energia pulita”, ha aggiunto la presidente della Commissione Ue, spiegando che “saranno mobilitati quasi 300 miliardi di euro. Circa 72 miliardi di euro di sovvenzioni e 225 miliardi di euro di prestiti”.

“Il risparmio energetico è il modo più rapido ed economico per affrontare il problema della crisi energetica attuale. Aumenteremo quindi l’obiettivo di efficienza energetica dell’Ue per il 2030 dal 9% a 13%. E stiamo aumentando l’obiettivo 2030 per l’energia rinnovabile dell’UE dal 40% al 45%”, ha sottolineato la presidente della Commissione.

“Proseguiremo con una serie di azioni per aumentare e accelerare la transizione verso l’energia pulita. Ad esempio, proponiamo di accelerare le procedure autorizzative per le energie rinnovabili e le relative infrastrutture come le reti. Proponiamo un obbligo di copertura solare per gli edifici commerciali e pubblici entro il 2025 e per i nuovi edifici residenziali entro il 2029. Questo è ambizioso ma realistico. Sappiamo che quando l’Europa agisce insieme, ha più influenza”, ha concluso von der Leyen.

Sul progetto RepowerEu è intervenuto anche il vice presidente della Commissione europea, Frans Timmermans: “”Il modo migliore per ridurre i prezzi è acquistare collettivamente da fonti alternative al gas russo e ovviamente risparmiare energia” ha detto. “Il price cap è una misura di emergenza che può scattare se c’è una perturbazione, ma con una sola misura non si riesce a rendere accessibile e a buon prezzo una energia costosa. Non è possibile. Quindi bisogna trovare alternative e approcci alternativi”, ha aggiunto Timmermans.

dal sito www.rainews.it