Allarme rosso per la salute dei bambini: la pandemia alimenta il più grande calo di vaccinazioni degli ultimi trent’anni

Allarme rosso per la salute dei bambini: la pandemia alimenta il più grande calo di vaccinazioni degli ultimi trent’anni

I dati ufficiali pubblicati oggi dall’OMS e dall’UNICEF registrano il più grande calo prolungato delle vaccinazioni dei bambini da circa 30 anni a questa parte.

La percentuale di bambini che hanno ricevuto tre dosi di vaccino contro la difterite, il tetano e la pertosse (DTP3) – un indicatore della copertura vaccinale utilizzato sia all’interno dei Paesi che tra di essi – è scesa di 5 punti percentuali tra il 2019 e il 2021, attestandosi all’81%.

Di conseguenza, 25 milioni di bambini nel solo 2021 non hanno ricevuto una o più dosi di DTP dai servizi di vaccinazione di routine. Si tratta di 2 milioni in più rispetto a quelli che hanno saltato la vaccinazione nel 2020 e di 6 milioni in più rispetto al 2019, evidenziando il crescente numero di bambini a rischio di malattie terribili ma prevenibili.

Il calo è dovuto a molti fattori, tra cui l’aumento del numero di bambini che vivono in contesti di conflitto e fragilità, dove l’accesso alle vaccinazioni è spesso difficile, l’aumento della disinformazione e i problemi legati al COVID-19, come le interruzioni dei servizi e della catena di approvvigionamento, la deviazione delle risorse verso le attività di risposta alla pandemia e le misure di contenimento che hanno limitato l’accesso e la disponibilità dei servizi di vaccinazione.

18 dei 25 milioni di bambini non hanno ricevuto nemmeno una dose di DTP durante l’anno, la maggior parte dei quali vive in Paesi a basso e medio reddito, con India, Nigeria, Indonesia, Etiopia e Filippine che registrano i numeri più alti. Tra i Paesi con i maggiori aumenti relativi del numero di bambini che non hanno ricevuto alcun vaccino tra il 2019 e il 2021 ci sono Myanmar e Mozambico.

La copertura della prima dose di morbillo è scesa all’81% nel 2021, il livello più basso dal 2008. Ciò significa che 24,7 milioni di bambini non hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il morbillo nel 2021, 5,3 milioni in più rispetto al 2019. Altri 14,7 milioni non hanno ricevuto la seconda dose necessaria.

Analogamente, rispetto al 2019, 6,7 milioni di bambini in più non hanno ricevuto la terza dose di vaccino antipolio e 3,5 milioni non hanno ricevuto la prima dose del vaccino HPV, che protegge le ragazze dal cancro al collo dell’utero in età avanzata.

“Si tratta di un allarme rosso per la salute dei bambini. Stiamo assistendo al più grande calo prolungato delle vaccinazioni dei bambini nel corso di una generazione. Le conseguenze si misureranno in vite umane”, ha dichiarato Catherine Russell, Direttore Generale dell’UNICEF. “Mentre l’anno scorso ci si aspettava una ripercussione della pandemia a seguito delle interruzioni e delle chiusure causate dal COVID-19, quello a cui stiamo assistendo ora è un calo persistente. Il COVID-19 non è una scusa. Abbiamo bisogno di recuperare le vaccinazioni per i milioni di bambini mancanti, altrimenti assisteremo inevitabilmente a nuove epidemie, a un maggior numero di bambini malati e a una maggiore pressione sui sistemi sanitari già in difficoltà”.

A livello globale, oltre un quarto della copertura dei vaccini contro il papillomavirus umano (HPV) raggiunta nel 2019 è andato perduto. Questo ha gravi conseguenze per la salute di donne e ragazze, poiché la copertura globale della prima dose di vaccino contro l’HPV è solo del 15%, nonostante i primi vaccini siano stati autorizzati oltre 15 anni fa.

Si sperava che il 2021 sarebbe stato un anno di ripresa, durante il quale i programmi di vaccinazione, messi a dura prova, si sarebbero ricostituiti e il gruppo di bambini non raggiunti nel 2020 sarebbe stato recuperato. Invece, la copertura del DTP3 è stata riportata al livello più basso dal 2008 e, insieme al calo della copertura di altri vaccini di base, ha portato il mondo lontano dal raggiungimento degli obiettivi globali, compreso l’indicatore di vaccinazione per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Questo storico arretramento dei tassi di vaccinazione avviene in un contesto di rapido aumento dei tassi di malnutrizione acuta grave. Un bambino malnutrito ha già un’immunità indebolita e le mancate vaccinazioni possono far sì che le comuni malattie dei bambini diventino rapidamente letali per lui. La convergenza di una crisi dovuta alla fame e di una crescente carenza di vaccinazioni minaccia di creare le condizioni per una crisi di sopravvivenza dei bambini.
La copertura vaccinale è calata in tutte le regioni, con la regione dell’Asia orientale e del Pacifico che ha registrato la più forte inversione di tendenza nella copertura DTP3, con un calo di nove punti percentuali in soli due anni.

“Pianificare e affrontare il COVID-19 dovrebbe andare di pari passo con la vaccinazione per malattie mortali come il morbillo, la polmonite e la diarrea”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS. “Non è una questione di uno o l’altro, è possibile fare entrambe le cose”.

Alcuni Paesi hanno tenuto a freno il calo. L’Uganda ha mantenuto alti livelli di copertura nei programmi di vaccinazione di routine, avviando al contempo un programma di vaccinazione mirato contro il COVID-19 per proteggere le popolazioni prioritarie, compresi gli operatori sanitari.
Analogamente, il Pakistan è tornato ai livelli di copertura pre-pandemica grazie a un impegno governativo di alto livello e a significativi sforzi di vaccinazione di recupero. Va lodato il raggiungimento di questo risultato nel bel mezzo di una pandemia, quando i sistemi sanitari e gli operatori sanitari erano sottoposti a notevoli pressioni.

Saranno necessari sforzi monumentali per raggiungere i livelli di copertura universale e prevenire le epidemie. Livelli di copertura inadeguati hanno già causato epidemie evitabili di morbillo e poliomielite negli ultimi 12 mesi, sottolineando il ruolo vitale delle vaccinazioni nel mantenere in salute bambini, adolescenti, adulti e società.

Il forte calo di due anni segue quasi un decennio di progressi in stallo, sottolineando la necessità di affrontare non solo le interruzioni legate alle pandemie, ma anche le sfide sistemiche legate alla vaccinazione per garantire che ogni bambino e adolescente sia raggiunto.

L’OMS e l’UNICEF stanno lavorando con Gavi, l’Alleanza per i vaccini e altri partner per attuare l’Agenda globale per le vaccinazioni 2030 (IA2030), una strategia per tutti i Paesi e i partner globali interessati al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati per la prevenzione delle malattie attraverso le vaccinazioni e la fornitura di vaccini a tutti, ovunque e ad ogni età.

“È straziante vedere che per il secondo anno consecutivo altri bambini perdono la protezione da malattie prevenibili. La priorità dell’Alleanza deve essere quella di aiutare i Paesi a mantenere, ripristinare e rafforzare le vaccinazioni di routine insieme alla realizzazione degli ambiziosi piani di vaccinazione contro il COVID-19, non solo attraverso i vaccini ma anche con un supporto strutturale su misura per i sistemi sanitari che li somministreranno”, ha dichiarato Seth Berkley, CEO di Gavi, l’Alleanza per i Vaccini.

I partner di IA2030 invitano i governi e gli attori interessati a:

  • Intensificare gli sforzi per la vaccinazione di recupero per affrontare i ritardi nella vaccinazione di routine ed espandere i servizi di diffusione nelle aree meno servite per raggiungere i bambini mancanti e attuare campagne per prevenire le epidemie;
  • Attuare strategie su misura, centrate sulle persone e basate su dati, per creare fiducia nei vaccini e nelle vaccinazioni, contrastare la disinformazione e aumentare la diffusione dei vaccini, in particolare tra le comunità vulnerabili;
  • Assicurare che l’attuale preparazione e risposta alle pandemie e gli sforzi di rafforzamento dell’architettura sanitaria globale portino a investire nei servizi di assistenza sanitaria di base (PHC), con un sostegno esplicito per rafforzare e sostenere le vaccinazioni essenziali;
  • Assicurare l’impegno politico dei governi nazionali e aumentare lo stanziamento di risorse nazionali per rafforzare e sostenere le vaccinazioni nell’ambito dei servizi sanitari di base;
    Dare priorità al rafforzamento dei sistemi di informazione sanitaria e di sorveglianza delle malattie per fornire i dati e il monitoraggio necessari affinché i programmi abbiano il massimo impatto.
  • Sfruttare e aumentare gli investimenti nella ricerca per sviluppare e migliorare i vaccini e i servizi di vaccinazione nuovi ed esistenti che possano soddisfare le esigenze della comunità e raggiungere gli obiettivi della IA2030

dal sito www.unicef.it