Legge di bilancio 2023, cosa prevede la manovra: ecco le misure per imprese e famiglia

di | 1 Dic 2022

Legge di bilancio 2023, cosa prevede la manovra: ecco le misure per imprese e famiglia

Una manovra da circa 35 miliardi che comprende sostegni alle imprese e alle famiglie: ecco tutte le misure della Legge di bilancio 2023, sulla quale i lavori sono in corso per arrivare a definirla e vararla entro fine anno

Contrasto al caro energia, incentivi per le assunzioni, sostegni a imprese e famiglie: è tempo di lavori sulla Legge di bilancio 2023, la manovra del Governo che vale circa 35 miliardi di euro. Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge di bilancio per l’anno prossimo, il bilancio pluriennale per il triennio 2023-25 e l’aggiornamento del Documento Programmatico di Bilancio (DPB). Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il testo negli ultimi giorni di novembre, ora spetterà al Parlamento valutarlo. L’approvazione è attesa entro la fine dell’anno: vediamo le principali misure al vaglio.

Legge di bilancio 2023, quando viene approvata
Il 25 novembre Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato il Documento programmatico di bilancio per il 2023 (DPB) inviato alla Commissione europea e al Parlamento italiano. Il testo della manovra, della legge di bilancio, composto da 155 articoli, è arrivato alla Camera il 28 novembre. Si è così avviato l’iter di approvazione che dovrebbe concludersi entro il prossimo 31 dicembre per evitare l’esercizio provvisorio. I provvedimenti partono dal riferimento del quadro programmatico già definito nell’integrazione alla Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2022 e le misure contenute nella manovra di bilancio ammontano a quasi 35 miliardi di euro.

Come nella Nota di aggiornamento ritroviamo nella legge di bilancio i 21 miliardi di deficit aggiuntivo, dal 3,4% del pil previsto al 4,5% definitivo. Quasi tutto l’extra deficit sarà utilizzato per far fronte al caro energia, con l’intento di aiutare di più chi è stato maggiormente colpito dall’aumento dei costi.

La reazione dei mercati
In generale la manovra sembra ispirata da criteri di prudenza e di equilibrata valutazione dello scenario macroeconomico, con una previsione di crescita allo 0,6%. Il deficit primario, il deficit al netto degli interessi, si riduce di oltre un punto di pil rispetto al 2022, 4,5% anziché il 5,6% del preconsuntivo 2022. I mercati sembrano aver apprezzato l’impianto generale della manovra.

Se il disegno complessivo sembra in parte ricalcare i principi del precedente governo, operando in sostanziale continuità, pur aprendo a interventi di bandiera in controtendenza, ad esempio, rispetto a quanto pianificato nel PNRR, ciò che lascia un po’ perplessi è la quasi totale assenza della descrizione delle coperture.

Quanto vale la manovra di Governo
Oltre all’extra deficit di 21 miliardi, degli altri 14-15 miliardi, che servono per finanziare le misure, non ci sono indicazioni precise. Tra le coperture ci sono due voci, che assommano a 13,3 miliardi, “altre entrate” pari a 6,3 miliardi e tagli ad “altre spese” per 7 miliardi. Avremo modo di verificare nell’iter che si è avviato, che per causa di forza maggiore dovrà essere breve, lasciando pochissimo spazio al dibattito parlamentare, come materialmente si copriranno le spese. Per ora c’è la norma sugli extraprofitti che dovrebbe garantire un importante contributo in tal senso anche se resta un’incognita; abbiamo letto che è previsto un aumento della tassazione sugli extraprofitti delle società energetiche fino al 31 luglio 2023, dall’attuale aliquota del 25% si passerà al 35% nel 2023 cambiando la base imponibile, dal fatturato si passerà agli utili.

Altre risorse per circa due miliardi si dovrebbero recuperare dai tagli al Superbonus, al Reddito di Cittadinanza e alle pensioni più alte che non verranno rivalutate. Prima di addentrarci nei contenuti della manovra che non riguardano il caro energia, vale la pena di segnalare al lettore altri due punti.

Il primo riguarda il caro bollette, gli aiuti coprono solo il primo trimestre 2023. Se la situazione non dovesse normalizzarsi bisognerà intervenire nuovamente. Il secondo riguarda l’inflazione, se dovesse confermarsi a questi livelli, renderebbe gli stanziamenti sui comparti scuola e sanità probabilmente non sufficienti.

Legge di bilancio 2023 pensioni
Viene confermato quanto precedentemente chiamato Quota 41: 62 anni di età e 41 di contributi, rinominata “pensione anticipata flessibile”. Il valore della pensione così ottenuta non potrà superare cinque volte il valore delle pensioni minime, fino al raggiungimento dell’età pensionabile. Si confermano gli incentivi per chi decide di continuare a lavorare pur avendo maturato i requisiti per l’anticipo.

Legge di bilancio 2023 opzione donna
L’adeguamento delle pensioni, minime comprese, entrerà in vigore per il biennio 2023-2024.Al momento resta da scrivere l’articolo su come sarà prorogato Opzione donna.

Sanità nella Manovra di Governo
Nella legge di bilancio vengono destinati alla Sanità due miliardi aggiuntivi per anno per i prossimi due anni, 2023 e 2024. Per il 2023 un miliardo e mezzo sarà utilizzato per il caro energia, 600 milioni invece sono destinati a coprire i costi legati alla pandemia per l’acquisto di vaccini e famarci anti covid.

PNRR, cosa prevede la Manovra
È previsto un incremento del 10% dei fondi assegnati agli enti locali finanziati con il Pnrr in relazione alle gare delle opere pubbliche che saranno avviate nel 2023. Tutto ciò per fronteggiare gli aumenti dovuti all’inflazione e al caro energia. Su questo specifico punto la bozza non ci sembra chiarissima.

Flat Tax 2023 e tassazione vendite online
Viene estesa la Flat Tax al 15% alle partite Iva con ricavi tra 65 e 85mila euro all’anno. Nella bozza che abbiamo letto c’è un articolo relativo alla tassazione dei beni venduti tramite internet, ma non ci sono contenuti esplicativi per cui ora non siamo in grado di commentare quella che potrebbe essere etichettata “Web Tax” o la “Amazon Tax”.

Legge di bilancio sigarette
Le accise sulle sigarette salgono che equivalgono a circa 70 centesimi per pacchetto e vengono detassate le mance per i camerieri. Sono prorogate per il prossimo anno le garanzie sui mutui prima casa per i giovani under 36 con un Isee che non supera 40 mila euro.

Legge di bilancio 2023 pace fiscale
Sul fronte tregua fiscale sono state definite otto modalità di regolarizzazione:

definizione agevolata sui controlli automatizzati delle dichiarazioni;
regolarizzazione di irregolarità formali;
ravvedimento speciale delle violazioni tributarie;
definizione agevolata dei procedimenti di accertamento;
definizione agevolata e conciliazione agevolata delle controversie tributarie;
rinuncia ai giudizi in Cassazione;
stralcio delle cartelle sotto 1000 euro fino al 31 dicembre 2015 ;
rateizzazione e riduzione sanzioni per cartelle 2019-20-21. Tutte misure definite dal Governo“di dialogo” e di “buon senso” nel rapporto cittadino – stato.
Inoltre, dalla bozza esaminata, dovrebbe essere stato fermato, per il prossimo biennio, l’adeguamento delle multe alla variazione Istat.

Tetto contanti 2023 e uso del POS
Viene confermato l’aumento al tetto dell’uso del contante, che passa da 1.000,00 a 5.000,00 euro e viene eliminata la sanzione per chi non accetta pagamenti tramite pos sotto i 60 euro. Tale soglia è stata già oggetto di un paio di cambiamenti prima dell’ultima bozza.

Card spesa, che cos’è
Nella bozza di manovra 500 milioni di euro vengono destinati ai Comuni per la gestione di un sistema di acquisito di beni alimentari di prima necessità (pane, pasta, latte e così via) a sostegno di famiglie con un Isee fino a 15mila euro.

Iva ridotta per assorbenti e prodotti infanzia
Iva ridotta al 5% su assorbenti e prodotti per l’infanzia: pannolini, cibo e seggiolini per l’automobile.

Lavoro occasionale
Viene innalzata la soglia di reddito annuale entro la quale si è considerati lavoratori occasionali, si passa da cinque a diecimila euro. E questo varrà anche per il lavoro stagionale in agricoltura, a patto che non vengano superati i 45 giorni di lavoro in un anno solare.

Famiglia e questione di genere
Vengono inserite risorse, pari a 15 milioni, per il piano strategico contro la violenza sulle donne e potenziata la dotazione del Fondo per le misure antri tratta.

Come cambia l’assegno unico
Le disposizioni in tema di assegna unico e congedo parentale dovranno essere definite.

01

dal sito www.agendadigitale.eu