Giornata mondiale del suolo 2022: la FAO pubblica il primo rapporto globale sui suoli neri

Giornata mondiale del suolo 2022: la FAO pubblica il primo rapporto globale sui suoli neri

Il rapporto chiede una gestione sostenibile tra le crescenti minacce

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha celebrato oggi la Giornata mondiale del suolo 2022 con il lancio del suo primo rapporto globale sui suoli neri, che sono più a rischio che mai a causa della crisi climatica, della perdita di biodiversità e dell’uso del suolo modificare.

Un enorme 95 percento del cibo che mangiamo proviene direttamente o indirettamente dai nostri suoli, che hanno la straordinaria capacità di immagazzinare, trasformare e riciclare i nutrienti di cui tutti abbiamo bisogno per sopravvivere, permettendo alla vita di continuare. Dei 18 nutrienti essenziali per le piante, 15 sono forniti dal suolo, se sono sani. Tuttavia, circa un terzo dei suoli mondiali è già degradato e la perdita di fertilità del suolo significa che la terra è meno produttiva e molti cereali, ortaggi e frutta non sono così ricchi di vitamine e sostanze nutritive come lo erano 70 anni fa.

Il focus dell’evento della Giornata Mondiale del Suolo di quest’anno, che si tiene in forma ibrida presso la sede della FAO a Roma, è il ruolo del suolo nella sicurezza alimentare e come la perdita di fertilità del suolo si traduca in bassi raccolti e cattivi raccolti, portando le popolazioni locali alla fame, malnutrizione e povertà.

I partecipanti, tra cui Janusz Wojciechowski, Commissario UE per l’agricoltura, Lee Seong-ho, Rappresentante permanente della Repubblica di Corea presso la FAO, e Victor Vasiliev, Rappresentante permanente della Federazione Russa, sono stati presentati al rapporto The Global Status of Black Soils e al Soil Atlas dell’Asia . L’evento ha visto anche la consegna del Glinka World Soil Prize 2022 ad Ashok Patra Kumar, rinomato scienziato del suolo dell’ICAR-Indian Institute of Soil Science (IISS) di Bhopal, e del King Bhumibol World Soil Day Award 2022 all’Universidad Nacional Autonoma del Messico. Medaglia al servizio distinto IUSS2022 è stato presentato alla Global Soil Partnership per riconoscere il suo contributo alla scienza del suolo sin dalla sua creazione 10 anni fa.

Nell’attuale crisi alimentare e dei fertilizzanti, i piccoli agricoltori, in particolare dei paesi vulnerabili di Africa, America Latina e Asia, non hanno accesso ai fertilizzanti organici e inorganici e stanno attualmente affrontando un aumento del 300% dei prezzi dei fertilizzanti. Queste crisi richiamano la nostra attenzione sul ruolo cruciale della gestione sostenibile e del ripristino della nostra preziosa risorsa per salvaguardare suoli sani e la loro fertilità.

“Oggi, la ridotta disponibilità e l’aumento dei prezzi dei fertilizzanti stanno determinando l’aumento dei prezzi alimentari e l’insicurezza alimentare”, ha affermato il Direttore Generale della FAO QU Dongyu nel suo discorso di apertura. “Dobbiamo lavorare insieme per produrre alimenti sicuri, nutrienti e ricchi di micronutrienti in un modo sostenibile che eviti il ​​degrado del suolo, riduca le emissioni di gas serra e riduca l’inquinamento dei sistemi agroalimentari”.

Tesoro nero
I suoli neri sono caratterizzati da un orizzonte di suolo denso, di colore scuro, ricco di sostanza organica. Si trovano in Russia (327 milioni di ettari), Kazakistan (108 milioni di ettari), Cina (50 milioni di ettari), Argentina (40 milioni di ettari), Mongolia (39 milioni di ettari), Ucraina (34 milioni di ettari), Stati Uniti d’America (31 milioni di ha), Colombia (25 milioni di ha), Canada (13 milioni di ha) e Messico (12 milioni di ha).

Con la loro fertilità intrinseca, sono il paniere alimentare di molti paesi e sono considerati essenziali per l’approvvigionamento alimentare globale.

I suoli neri hanno un’altra qualità fondamentale: sono fondamentali per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, in quanto contengono l’8,2% delle scorte mondiali di carbonio organico (SOC) nel suolo e possono fornire il 10% del potenziale globale di sequestro di SOC. Il sequestro del SOC offre molteplici vantaggi per gli esseri umani e l’ambiente ed è una delle opzioni più convenienti per l’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici, nonché per combattere la desertificazione, il degrado del suolo e l’insicurezza alimentare.

Come mostra il rapporto The Global Status of Black Soils, questo tesoro nero è minacciato. A causa del cambiamento nell’uso del suolo (circa il 31% dei suoli neri globali è coltivato), delle pratiche di gestione insostenibili e dell’uso eccessivo di prodotti chimici per l’agricoltura, la maggior parte dei suoli neri ha già perso almeno la metà dei propri stock di SOC e soffre di processi di erosione da moderati a gravi, così come gli squilibri nutrizionali, l’acidificazione e la perdita di biodiversità.

Il rapporto evidenzia due obiettivi principali: la conservazione della vegetazione naturale su suoli neri come praterie, foreste e zone umide e l’adozione di approcci di gestione sostenibile del suolo su suoli neri coltivati. Propone inoltre raccomandazioni su misura per gli agricoltori, i governi nazionali, la ricerca e il mondo accademico e la Rete internazionale dei terreni neri.

Atlante dell’Asia
La Giornata mondiale del suolo ha visto anche il pre-lancio dell’Atlante del suolo dell’Asia, uno sforzo di collaborazione tra il Global Soil Partnership della FAO e la Commissione europea attraverso il suo Centro comune di ricerca, e con il sostegno finanziario dell’Amministrazione coreana per lo sviluppo rurale e dei paesi partecipanti. L’atlante è progettato per aumentare la consapevolezza sulla salute del suolo tra una vasta gamma di parti interessate. Grazie ai contributi di oltre 100 esperti del suolo provenienti da 45 paesi, l’atlante ritrae la ricca diversità dei suoli della regione.

Maggiori informazioni su questo argomento

 

Rapporto

 

dal sito www.fao.org