Ocse: in Italia il più forte calo dei salari, a inizio 2023 -7,5%

di | 11 Lug 2023

Alla fine del 2022 i salari reali sono calati del 7% rispetto al periodo precedente la pandemia Covid. Il calo è poi proseguito nel primo trimestre 2023

L’Italia è il Paese “che ha registrato il calo dei salari reali più forte tra le principali economie Ocse”. È quanto si legge nelle Prospettive dell’occupazione Ocse 2023, presentate a Parigi. “Alla fine del 2022 – avvertono dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico – i salari reali erano calati del 7% rispetto al periodo precedente la pandemia. La discesa è continuata nel primo trimestre 2023, con una diminuzione su base annua del 7,5%”.

Secondo le proiezioni Ocse, in Italia i salari nominali aumenteranno del 3,7% nel 2023 e del 3,5% nel 2024, mentre l’inflazione dovrebbe attestarsi al 6,4% nel 2023 e al 3% nel 2024. In Italia, i salari fissati dai contratti collettivi sono diminuiti in termini reali di oltre il 6% nel 2022. Si tratta di un calo particolarmente significativo se si considera che, a differenza di altri Paesi, la contrattazione collettiva copre, in teoria, tutti i lavoratori dipendenti.

Le previsioni L’indicizzazione dei contratti collettivi alle previsioni Istat dell’inflazione al netto dei beni energetici importati (Ipca-Nei), recentemente riviste significativamente al rialzo, fa pensare che i minimi tabellari potranno recuperare parte del terreno perduto nei prossimi trimestri. Tuttavia, i significativi ritardi nel rinnovo dei contratti collettivi (oltre il 50% dei lavoratori è coperto da un contratto scaduto da oltre due anni) rischiano di prolungare la perdita di potere d’acquisto per molti lavoratori.

L’Ocse all’Italia: “Le politiche del lavoro sono un pilastro del Pnrr” Le politiche attive del mercato del lavoro “sono un pilastro fondamentale del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”, sottolinea ancora l’Ocse. “Se l’obiettivo iniziale di numero di persone in cerca di lavoro da prendere in carico è stato raggiunto, è ora essenziale garantire un sostegno effettivo e adeguato in tutte le regioni e rafforzare la verifica dei percorsi formativi realizzati”.

dal sito www.tgcom24.mediaset.it