DIFFUSO DAL FORUM DELLE FAMIGLIE DEGLI OSTAGGI IL VIDEO DI 5 SOLDATESSE RAPITE IL 7 OTTOBRE

di | 1 Giu 2024

Irlanda, Norvegia e Spagna annunciano: “Il 28 maggio riconosceremo la Palestina”. La Francia: “Non è il momento, ma non è un tabù”. Italia favorevole a un riconoscimento reciproco. Gli aiuti umanitari ancora sul molo galleggiante.

Il leader dell’opposizione israeliana Yair Lapid ha esortato oggi il primo ministro Benjamin  Netanyahu ad accettare la Palestina come Stato, a determinate  condizioni e dietro garanzie. Lo riporta l’agenzia turca Anadolu. Lapid, leader del partito centrista Yesh Atid, ha parlato dopo che Norvegia, Irlanda e Spagna hanno annunciato che riconosceranno la  Palestina come Stato a partire dal 28 maggio. Lapid, tuttavia, ha  accusato il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir di aver impedito a Netanyahu di adottare questa posizione, secondo il  quotidiano Yedioth Ahronoth. “Netanyahu dovrebbe dichiarare che, a determinate condizioni e garanzie specifiche, è disposto ad accettare  un futuro Stato palestinese che si unisca alla lotta al terrorismo”,  ha affermato Lapid, senza entrare nei dettagli. Criticando Ben-Gvir,  il leader dell’opposizione ha affermato che ”non permette” a  Netanyahu di annunciare la sua disponibilità a riconoscere il  palestinese come Stato, descrivendo la situazione attuale come ”la  follia in cui viviamo. Non accadrà con questo governo: dobbiamo mandare a casa” il governo Netanyahu e “formarne uno efficace”, ha  concluso Lapid.

 

Fonte: https://www.rainews.it/